wedran day

agosto 16, 2008

Nella mia cerchia di buontemponi, la giovinezza era vissuta come un continuo inno al cazzeggio e alla convivialità ecumenica. Inventavamo scherzi e motti (oddio mi sembro Hermann Hesse durante una crisi bipolare!), uno tra questi fu l’invenzione del wedran day per il 15 agosto, notoriamente la giornata più sfigata dell’anno.
In friulano “vedran” significa “non sposato”, nubile, celibe, zitell*, ma anche orfano di ideologie e progetti planetari, di orizzonti ampi e ariosi, e via dicendo (come cantavano anche gli amati FLK).
Questo siamo diventati, ma ci restano gli aneddoti e i ricordi.
Felice wedran day.

Annunci